Questa danza ha origini antichissime, che risalgono alla costituzione delle prime civiltà. I movimenti rotatori e sinuosi di questa danza richiamano gli antichi culti della fertilità, come quello della “Dea Madre”. Gli uomini erano consapevoli che tutto ciò che muoveva la vita era legato alla riproduzione, alla nascita, al ciclo delle stagioni, alla natura. Per questo, molti degli stili di questa danza sono legati strettamente alla femminilità e venivano praticati esclusivamente dalle donne. Con l’evoluzione, la danza inizia a essere un elemento ricorrente nella vita dell’uomo, e, oltre ad accompagnare riti di preghiera, inizia ad accompagnare momenti di aggregazione, comunicazione, svago e rappresentazione del quotidiano; in questo scenario entrano anche gli uomini a far parte di questa danza molto antica e ricca di storia e significati.

La pratica della danza orientale è giunta in Europa e in America grazie ai cabaret degli anni 30 e 40: è da questo periodo, ma soprattutto dagli anni 90, che questa danza è diventata famosa in tutto il m mondo.

La danza orientale è particolarmente adatta al corpo femminile, perchè aumenta la flessibilità e la tonicità del seno, delle spalle, delle braccia, del bacino,. Ma soprattutto della pancia; gli addominali sono coinvolti profondamente nei movimenti, modellano la linea e giovano agli organi interni, tonifica le cosce, migliora l’agilità delle articolazioni e sembra ritardare l’osteoporosi, migliora la postura e rafforza il pavimento pelvico, Inoltre la danzatrice orientale ha il diritto di essere in carne e può mostrare le proprie forme. Quello che importa non è la rotondità ma la sensualità che si trasmette, la grazia e la sinuosità dei movimenti.

Stile danza del ventre dell’Egitto Faraonico

E’ una rappresentazione artistica della danza del Antico Egitto e con simbolismo fittizio e immaginario per ogni movimento. Non è una danza con finalità esoterica, da essere utilizzata nei riti di magia. Questa danza è composta con i movimenti della danza del ventre araba e con i passi del balletto classico.. La proposta è di promuovere gioia e il benessere delle donne, portando la bellezza, la femminilità attraverso quest’arte.

Stile danza del ventre Saidi la danza del bastone

Tra gli stili della danza orientale che vengono dal folclore egiziano, il Saidi è forse il più famoso di tutti, di quella regione dell’Alto Egitto che si sviluppa lungo l’alto corso del Nilo. Saidi è il nome di un ritmo musicale ma anche della danza che si è sviluppata su questo ritmo, una danza che ha origini antichissime, come testimoniano alcuni geroglifici risalenti almeno al 2000 a.C.

Le donne danzano con il bastone dimostrando come potenza e femminilità possano andare d’accordo, abbinando cioè movimenti energici prettamente “marziali”, come i salti, ad altri più sinuosi e tipicamente femminili, come gli otto e i cerchi con il bacino

Danza con il Velo

Questo accessorio rende la danza più misteriosa e dona un senso di leggerezza alla figura della danzatrice.

Street Shaabi

Shaabi significa letteralmente “della gente”. Nasce nel Cairo negli anni ’70, come una nuova forma di musica urbana che esprime le difficoltà e le frustrazioni della vita egiziana moderna. I testi di Shaabi possono essere entrambi intensamente politici e pieni di umorismo e doppio effetto.

Arabo Andaludo

L’Arabo Andaluso trae origine dalla dominazione ottomana in Spagna quando i movimenti morbidi della danza orientale incontrarono la gestualità del flamencoLa danza arabo andalusa di solito rappresenta una poesia cantata. La ballerina sembra “sospesa” sul palco come un elfo, i movimenti sono discreti ma molto espressivi, pose e combinazioni, sono il risultato di un interessante mix di accenni andalusi più le movenze classiche eseguite in Spagna nel Medioevo.